Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, acconsenti all'uso dei cookie
 

La Commissione Europea è recentemente intervenuta, pubblicando delle linee guida volte ad esplicare il contenuto del Regolamento 1912/2018 (le cd Quick Fix Solution). In particolare per ciò che attiene all’ambito delle prove di avvenuta consegna sono stati chiariti alcuni importanti aspetti:

  • In primo luogo è stata data risposta al quesito “Cosa succede alle previsioni nazionali?” A tale proposito le note esplicative chiariscono che, anche qualora trovino applicazione le condizioni previste dalla normativa comunitaria, se le normative interne sono maggiormente flessibili rispetto a quelle del Regolamento 2018/1912, queste possono continuare a trovare applicazioni.
  • Un altro elemento di particolare rilevanza attiene alla presunzione di avvenuta consegna della merce. In particolare qualora il cedente non riesca ad ottenere le prove di avvenuta consegna della merce, non scatta automaticamente il venire meno della presunzione, ma è invece riconosciuta autonomia alle autorità nazionali relativamente all’accettabilità degli elementi di prova a disposizione dell’azienda. È importante sottolineare che anche qualora le autorità nazionali, riscontrino inesattezze o falsità nei documenti richiesti per provare l’avvenuta consegna della merce, l’azienda rimane nella possibilità di provare l’avvenuta consegna con documenti alternativi.
  • Le linee guida forniscono inoltre un’interpretazione del significato di “parti indipendenti” rispetto ai soggetti che devono fornire le prove di avvenuta consegna della merce stabilendo che quest’ultime sono indipendenti quando: non condividono la stessa personalità giuridica e non sussistano legami famigliari o altri legami personali stretti, di gestione di società, proprietà, adesione, legami finanziari o legali.
  • È inoltre riconosciuta la possibilità di utilizzare documenti in formato digitale non essendo richiesta la presenza della prova documentale in un determinato formato. Si precisa, rispetto a quest’ultimo punto, che le previsioni nazionali avevano già approvato tale modalità di comunicazione delle prove con la risoluzione 19/E dell’Agenzia delle Entrate.
  • Infine, le linee guida forniscono un ulteriore chiarimento rispetto alle tempistiche rispetto alle quali deve essere fornito il documento di avvenuta consegna della merce rilasciato dall’acquirente. In questo caso viene chiarito che qualora, il cedente non riesca ad entrare in possesso del documento entro il termine del decimo giorno del mese successivo a quello di avvenuta consegna della merce, non verrà meno la presunzione di avvenuta consegna se il cedente risulta essere comunque in possesso degli altri documenti indicati dalla normativa.

 

I cambiamenti inerenti alle importazioni di merce da parte di importatori algerini riguardano due importanti aspetti:

  1. I pagamenti futuri potrebbero non essere istantanei ("contanti") come è accaduto fino a poco tempo fa, ma soggetti a tempistiche di 9-12 mesi;
  2. Per tutte le importazioni, a partire dal 31 dicembre 2019, l’unico termine Incoterms che sarà possibile utilizzare sarà il FOB e  sarà necessario privilegiare i vettori marittimi algerini “ogniqualvolta possibile”.

Recentemente è stata resa nota la possibilità di utilizzare il termine CIF. L’utilizzo di tale Incoterms è però soggetto alla necessaria indicazione separata del:

  • Valore della merce
  • Valore del trasporto

Preme precisare che l’obbligo di ricorrere al pagamento differito di 9-12 mesi si riferisce soltanto all’importazione di prodotti di telefonia mobile e kit di assemblaggio di elettrodomestici mentre le altre due disposizioni - utilizzo esclusivo di contratti FOB (Free on board) e di operatori di trasporto marittimo nazionali -  sono estese a tutte le importazioni.

 

L’Agenzia delle Dogane ha reso noto che dal 1° Gennaio 2020 anche per i paesi PTOM troverà applicazione il sistema REX. In particolare, la Decisione 2013/755 /UE del Consiglio, relativa all'associazione dei paesi e territori d'oltremare con l'Unione europea, cd. DAO, prevede l'applicazione del sistema degli esportatori registrati (REX) per la compilazione delle dichiarazioni di origine per le merci originarie sia dei Paesi e Territori d’Oltremare (PTOM) sia dell'UE.

Pertanto, in applicazione della suddetta Decisione, dal 1 ° gennaio 2020, i PTOM dovranno applicare il sistema REX, in sostituzione dell'attuale certificato di circolazione EUR.1 rilasciato dalle autorità competenti o della dichiarazione di origine fornita dall’esportatore nel paese da cui provengono le merci.