Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, acconsenti all'uso dei cookie
 

È stato approvato definitivamente il testo di conversione del DL n 73/2022 (“Decreto Semplificazioni”), il quale comprende un emendamento che modifica (nuovamente) le scadenze riferite alla presentazione dei modelli Intrastat, riportandole al 25 del mese successivo a quello di riferimento o, in caso di presentazione trimestrale, al 25 del mese successivo al trimestre di riferimento.

Sulla base della modifica in questione, pertanto, la scadenza non è più prevista per la fine del mese o del trimestre successivo a quello di riferimento, come invece sembrava dovesse essere sulla base della formulazione iniziale del decreto Legge in parola.

Si sottolinea come il testo della legge, nonostante sia già stato ufficialmente approvato, non è ancora stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale e dunque non è ancora entrato in vigore. Di norma, le leggi di conversione dei Decreti Legge prevedono che le disposizioni in esse contenute entrino in vigore a partire dal giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

A titolo precauzionale, si consiglia comunque di provvedere all’invio dei modelli Intrastat entro e non oltre il 25 del mese già a partire dalla presentazione relativa agli acquisti e cessioni di Luglio 2022.

In data 21 luglio 2022 è stato approvato il VII pacchetto di misure sanzionatorie nei confronti della Russia, denominato “di manutenzione e allineamento", che ha lo scopo di rafforzare l’attuazione di quelle già in vigore, prevenirne l’elusione ed estenderne la portata.

Il pacchetto in oggetto si compone di svariati Regolamenti (1269/2022, 1279/2022, 1273/2022, 1274/2022) e Decisioni (1269/2022, 1270/2022), che apportano ulteriori integrazioni e modifiche alla normativa di base, vale a dire ai Regolamenti UE 833/2014 e 269/2014 e alle Decisioni 512/2014 e 145/2014.

Di particolare interesse dal punto di vista doganale, ossia delle restrizioni oggettive all’esportazione e all’importazione da e verso la Russia, risulta essere il Reg. UE 1269/2022, di cui si riportano sommariamente di seguito i punti principali.

  • Viene introdotto il divieto di importare, acquistare o trasferire, direttamente o indirettamente, l’oro di cui all’Allegato XXVI (codici doganali 7108, 7112 91 e 7118 90) originario della Russia e dalla Russia esportato nell’Unione o in qualsiasi Paese terzo dopo il 22 luglio 2022.

Il medesimo divieto di acquisto è previsto per gli articoli, lavorati in un Paese terzo, che incorporano i prodotti in oggetto, nonché per i prodotti elencati nell’Allegato XXVII (codici doganali 7113 e 7114).   

  • Viene disposta l’implementazione dell’Allegato VII del Reg. UE 833/2014, il quale prevede alcuni beni e tecnologie considerati quasi-duali la cui vendita è vietata in Russia o per un uso in Russia, con svariati nuovi prodotti.
  • Viene disposta la sostituzione dell’Allegato XXIII del Reg. UE 833/2014, contenente l’elenco di alcuni beni e tecnologie suscettibili di contribuire alla capacità industriale russa, per i quali vige il divieto di esportazione, salvo alcune deroghe tassativamente previste.

Oltre a quanto sopra esposto, il pacchetto sanzionatorio in questione ha introdotto ulteriori misure finanziarie, e ha implementato le blacklist relative ai soggetti e alle entità con cui non è possibile porre in essere rapporti di natura commerciale.

In conclusione, si consiglia alle imprese di procedere agli opportuni controlli soggettivi e oggettivi, al fine di appurare che le misure di nuova introduzione non interessino la loro attività e che nulla sia cambiato rispetto agli eventuali controlli già effettuati prima dell’entrata in vigore della normativa in oggetto.

All’indomani dell’avviso di ADM del 20 luglio 2022 (con cui è stato precisato come rimanga ad oggi possibile utilizzare il vecchio sistema import IM, indipendentemente dal regime richiesto), la stessa Agenzia ha comunicato che è preferibile, fino a nuova comunicazione, utilizzare tale tracciato IM nel caso in cui le dichiarazioni presentino:

  • lettera di intento;
  • richieste di contingenti o titoli AGRIM;
  • regime 51 e 53.

Inoltre, per gli stessi motivi funzionali di implementazione del nuovo sistema (messaggi H) viene posticipata fino a nuova comunicazione la data, individuata precedentemente nel giorno 21 luglio, in cui sarà reso disponibile il “Prospetto di riepilogo contabile”.