Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, acconsenti all'uso dei cookie
 

Con la circolare n. 31/2021 ADM sono state fornite ulteriori istruzioni riguardo alle procedure di rilascio dei certificati attestanti l’origine preferenziale della merce (Eur1 ed Eur-med) e la libera circolazione della merce (A.tr.)

In relazione alla proroga dello stato di emergenza relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili, è stato confermato l’utilizzo della modalità di “previdimazione” dei certificati EUR1, EUR-MED e A.TR. fino al 31 dicembre 2021.

Si ricorda che l’abbandono della pratica di previdimazione potrà comportare un aumento delle tempistiche necessarie all’ottenimento dei certificati precedentemente menzionati. Si consiglia, pertanto, di attrezzarsi anticipatamente attraverso l’ottenimento dello status di esportatore autorizzato, che esula dalla richiesta del suddetto certificato per spedizioni oltre i 6000€.

Con la Circolare n. 4/2021 (prot. n. 20588/RU del 20 gennaio 2021), l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli aveva annunciato l’avvio del Portale dell’Operatore dedicato alla presentazione delle richieste di registrazione alla banca dati REX (cd. Trader Portal), dando inizio ad un regime transitorio, tuttora in corso, basato sull’alternativa fra l’utilizzo della procedura cartacea e quella digitale per la presentazione dell’istanza.

Per quanto attiene il periodo di avvio della seconda fase, come da comunicazione sopra riportata, veniva inoltre indicata la metà dell’anno corrente; tale passaggio avrebbe dovuto comportare l’eliminazione della presentazione cartacea e l’obbligatorietà dell’uso del Portale, con l’invio dell’istanza in modalità telematica.

La recente circolare 24/2021 dell’Agenzia Dogane e Monopoli ha invece differito l’utilizzo obbligatorio ed esclusivo del Portale fra la fine del primo quadrimestre e l’inizio del secondo quadrimestre 2022, pertanto, fino a nuovo provvedimento, risulta dunque prorogata la facoltà di presentare l’istanza in formato cartaceo utilizzando il modello adibito, specificando tuttavia la possibilità di utilizzare l’alternativa digitale offerta dal Portale.

Come comunicato nei recenti aggiornamenti, il 1° luglio era prevista l’entrata in vigore in via definitiva del nuovo sistema egiziano di preregistrazione delle importazioni.

Nella serata del 23 giugno 2021, il ministro delle finanze egiziano, Mohamed Maait, ha comunicato la decisione di posticipare l'entrata in vigore definitiva del sistema ACI – “Advance Cargo Information System” relativamente ai porti marittimi al 1° ottobre.

Si ricorda che tale sistema comporta il caricamento anticipato delle informazioni, da parte del soggetto importatore egiziano, attraverso il portale Nafeza, al fine di facilitare e automatizzare le procedure di sdoganamento.

In capo all’esportatore rimane l’onere di provvedere all’invio della documentazione in via anticipata all’importatore egiziano. A tal proposito, il governo egiziano ha raccomandato l’utilizzo del portale CargoX, il quale mette in comunicazione le parti tramite il meccanismo della Blockchain.

Importatori, agenti ed esportatori hanno quindi più tempo per registrarsi al nuovo sistema e adattare i processi aziendali alla nuova normativa.