Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, acconsenti all'uso dei cookie
 

La nuova normativa inglese sui dispositivi medici, ancora in fase preparatoria, prevedeva come dal 30 giugno 2023 dovesse terminare l’accettazione dei dispositivi medici a marchio CE da parte del mercato britannico, in favore del marchio UKCA.

In tale scenario è tuttavia intervenuto di recente il Governo inglese che, in ragione della volontà di evitare il rischio di interruzioni delle forniture, ha stabilito una proroga di 12 mesi al termine di cui sopra.

Sarà dunque possibile continuare ad immettere dispositivi medici marcati CE nel Regno Unito sino a fine giugno 2024, mentre l’entrata in vigore della nuova regolamentazione in materia, salvo ulteriori modifiche, è prevista a decorrere dal mese di luglio 2024.

Lo Studio rimane a disposizione per eventuali approfondimenti sulla tematica.

In data 1^ novembre 2022 è entrato in vigore un nuovo Accordo tra l’Unione Europea e la Repubblica di Moldavia, volto a facilitare gli scambi commerciali fra i due Paesi.

Nello specifico, tramite tale intesa è stato stabilito il riconoscimento reciproco dei rispettivi programmi AEO (Authorized Economic Operator).

Le imprese europee che aderiscono a tale programma AEO possono dunque ora beneficiare, anche negli scambi con la Moldavia, di procedure doganali semplificate caratterizzate da minori controlli e tempistiche ridotte.

Lo Studio rimane a disposizione per eventuali approfondimenti sulla tematica.

È stata approvata la versione definitiva del nuovo regolamento delegato che contiene l’aggiornamento dell’Allegato I alla normativa Dual Use (Reg. UE 2021/821).

Si attende ora la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, che avverrà verosimilmente nel mese di dicembre.

Si ricorda come il citato Allegato I contenga la lista di quei beni considerabili a duplice uso, in riferimento ai quali è necessario richiedere una specifica autorizzazione ai fini della loro esportazione verso Paesi extracomunitari.

Dal momento che l’aggiornamento in parola comporta, fra il resto, l’inserimento di nuovi beni controllati, si consiglia alle imprese di effettuare una verifica volta ad escludere che le novità introdotte comportino correlazioni Dual use, in precedenza non previste, con i propri prodotti. 

Lo Studio rimane a disposizione ai fini del controllo sopra citato, nonché per eventuali chiarimenti sulla tematica.