Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, acconsenti all'uso dei cookie
 

Con la circolare n. 16/2021 ADM sono state fornite ulteriori istruzioni riguardo alle procedure di rilascio dei certificati attestanti l’origine delle merci.

In relazione alla proroga dello stato di emergenza relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili, è stato confermato l’utilizzo della modalità di “previdimazione” dei certificati EUR1, EURMED e A.TR fino al 31 luglio 2021.

In merito a ciò, oltre tale data, è previsto un aumento delle tempistiche necessarie all’ottenimento del certificato EUR1. Si consiglia, pertanto, di attrezzarsi anticipatamente attraverso l’ottenimento dello status di esportatore autorizzato, che esula dalla richiesta del suddetto certificato per spedizioni oltre i 6000€.

La pratica della “previdimazione” viene superata, invece, con riferimento alle esportazioni dall’Italia verso la Svizzera, in considerazione dei risultati positivi finora conseguiti dalla procedura sperimentale EUR1 “full digital” applicabile, a decorrere dal 15 marzo 2021, limitatamente alle suddette operazioni.